Prestazioni offerte

Da dove vuoi iniziare?

> Pronti e via!
rruggero.fasanelli@gmail.com
051-6448557
 

Plantari personalizzati

Accomodativi - Biomeccanici - Personalizzati

Ortesi plantari - tipologie di plantari realizzabili

Le ortesi plantari (più comunemente dette “plantari”) sono dei presidi ortopedici realizzati al fine di modificare e riequilibrare l’appoggio plantare e i rapporti articolari coinvolti sia durante l’ortostatismo (posizione eretta) che durante il movimento.

Esistono differenti tipologie di plantari che possono essere distinti in base ai materiali utilizzati, alla tecnologia impiegata per lo studio e la realizzazione e la tipologia di problematica per la quale vengono prescritti.

I plantari ortopedici possono essere realizzati sia a scopo sportivo che sanitario.

Uso sportivo

La funzione principale dei plantari ad uso sportivo è quello di attenuare gli schok a carico delle articolazoni e di favorire, mediante inserti specifici, alcune funzionalità del piede. Questa tipologia di ortesi permette di prevenire patologie traumatiche ed aumentare la prestazionalità del piede in fase di appoggio e spinta.

Spesso durante le attività sportive la struttura del piede viene stressata causando disagi di varia natura durante la deambulazione.
Lo studio esamina le conseguenze da overuse sportivo, attuando terapie volte alla riduzione e scomparsa del dolore.

Uso sanitario

I plantari ortopedici ad uso sanitario trovano applicazione in una svariata serie di patologie, tra le più comuni:

  • Piede Piatto o Cavo (eccessiva pronazione o supinazione del piede)
  • Alluce valgo (isufficienza del primo raggio e alluce in particolare in fase propulsiva)
  • Metatarsalgie (dolore all’avanpiede durante la fase di appoggio e spinta, spesso anche in stazione eretta)
  • Sindrome di Morton (dolore acuto di origine neuropatica)
  • Fascite plantare (forte dolore a causa dell’infiammazione della fascia plantare)
  • Tendiniti (infiammazioni tendinee spesso causate da squilibri posturali)
  • Tallonite (dolore acuto al tallone in particolare in fase di appoggio)
  • Insufficienze muscolo-tendinee (ridotta funzionalità dei muscoli tibiale posteriore e/o anteriore)